Posts Tagged ‘The Blair Witch Project

12
Mag
12

Chronicle. Da grandi poteri derivano grandi responsabilità?

Voto: 7 (su 10)

Da grandi poteri derivano grandi responsabilità, ci insegna l’universo dei fumetti Marvel. Ma è vero così con chiunque sia dotato di poteri fuori dal normale, o è una cosa che avviene solo nell’universo Marvel? In poche parole: cosa accade se chi viene in possesso di superpoteri non ha la tempra morale per gestirli per il bene comune, e li usa per i propri fini personali? La novità di Chronicle, il film di Josh Trank (sceneggiata da Max Landis, figlio del grande John) è proprio questa. E così accade che tre ragazzi, Andrew, Matt e Steve, entrino in contatto con un meteorite, e arrivino così a possedere dei poteri fuori dal comune, dallo spostare gli oggetti fino al volare. Se due di loro sembrano gestirli in maniera responsabile, Andrew (Dane DeHaan, che ricorda il giovane Di Caprio), è un ragazzo frustrato, con la madre in fin di vita e il padre violento. Le sue frustrazioni hanno la meglio su di lui. E i poteri così finiscono per diventare uno sfogo per le proprie frustrazioni.

Supereroi amorali, o addirittura immorali: questa è la grande novità, già sperimentata da altri film, ma mai in maniera così chiara, di Chronicle. A ogni film che documenta la nascita di un supereroe, alla fase di scoperta dei poteri segue sempre una missione in cui usarli finalmente per un buon fine: qui la missione non inizia mai, e i nostri eroi finiscono per perdersi nelle loro storie personali, e non mettere mai quei poteri al servizio di qualcosa di più grande. La loro lotta non è contro qualcuno, ma contro se stessi. È per questo che Chronicle è una riflessione molto lucida su poteri e responsabilità, che porta a un altro livello il discorso della Marvel che ormai abbiamo imparato tutti a recitare come un mantra.

Chronicle si muove nella tendenza alla destrutturazione, alla svestizione e alla normalizzazione del supereroe. Da Unbreakable di Shyamalan fino alle serie tv Heroes e Misfits vediamo in scena super uomini con super poteri ma senza super vestiti, senza quell’aura colorata e gloriosa a cui ci hanno abituato i supereroi dei fumetti classici DC e Marvel, ma persone che accanto alla loro natura speciale devono pur sempre fare i conti con quella umana. Al cinema e in tv stiamo vedendo eroi inediti, che non provengono dalla mitologia dei fumetti classici (si pensi anche a Kick-Ass).

E la forma migliore per raccontare questi eroi nel quotidiano non può che essere quella del found footage, quella cioè delle riprese amatoriali, dei filmati trovati per caso, di The Blair Witch Project, Rec e Cloverfield. Che sembra piacere a tutti: ai cinefili, perché la soggettiva è sempre la soggettiva, alla generazione web 2.0, perché usa i loro codici di comunicazione, e ai produttori, perché costa poco. È una forma visiva che permette subito l’identificazione con il personaggio, perché usa il suo occhio. Qualcosa che saprebbe di già visto, se Josh Trank non usasse alcune variazioni sul tema: una ragazza che riprende con un’altra telecamera per il suo blog permette il gioco campo/controcampo classico del cinema, che nelle riprese in soggettiva andrebbe perso. E grazie alla telecinesi, il protagonista riesce a far volare la sua telecamera, e quindi a inquadrarsi. Insomma, Chronicle è qualcosa di nuovo – anche se non nuovissimo – nel panorama dei superhero movie. Lo spirito del film sta tutto in questo dialogo: “Pensi di farci di più?” “Con i poteri?” “No”.

Da vedere perché: grandi poteri senza grandi responsabilità: supereroi immorali, con la tecnica di Rec e Cloverfield.

10
Gen
10

REC 2. In diretta c’è l’esorcista

 Voto: 6 (su 10)

Rec: si gira! Dopo il loro sorprendente primo film, gli “assassini” Jaume Balaguerò e Paco Plaza tornano sul luogo del delitto con il sequel del loro horror in soggettiva. Il ritorno sul luogo del delitto avviene letteralmente: prima dei titoli di testa vediamo l’ultima scena del film precedente, con la reporter Angela Vidal trascinata nel buio. E Rec 2 inizia pochi secondi dopo la fine di Rec: vediamo una squadra tipo SWAT pronta a intervenire nel famoso condominio messo in quarantena.

Rec: si gira! E si gira tanto. Rec 2, come molti sequel, lavora per accumulo e moltiplicazione. Per superare il primo film si tende a fare di più. Così in Rec 2 si moltiplicano le videocamere: in scena ce n’è una principale,  ma ogni agente delle squadre speciali ne ha una personalizzata. Così i nostri occhi non coincidono più con un unico occhio (che nel primo era quello della telecamera della troupe televisiva) ma con più sguardi, quelli dei vari agenti, che si intersecano con quella principale tramite delle immagini picture in picture. Fino a che le telecamere dei poliziotti finiscono fuori uso, e l’azione viene vista tramite la camera amatoriale di tre ragazzini che finiscono nel palazzo per caso. È il secondo “movimento” della sinfonia Rec 2. Ce ne sarà anche un terzo, con un altro occhio digitale  che entra in scena. Ma è una sorpresa che non intendiamo rovinarvi.

Ma Rec 2 è un film che moltiplica anche in un altro senso. Dopo pochi minuti, come si intuiva nel primo film, capiamo che l’infezione che trasforma le persone in una sorta di zombie non è semplicemente un virus, ma una possessione demoniaca. Così Rec 2 moltiplica anche i sottogeneri dell’horror nei quali inserirsi, contaminando lo zombie movie con le storie sovrannaturali di possessione. In sintesi: La notte dei morti viventi incontra L’esorcista, nello stile di The Blair Witch Project (che fu il primo horror in soggettiva). Un ultima contaminazione è quella con i videogame: i poliziotti – le cui azioni scorrono in soggettiva – sparano agli zombie. E in questo senso le scene in questione sembrano una citazione dei videogame Fist Person Shooter (sparatutto in prima persona) sullo stile di Doom.

Al cinema moltiplicazione non è sinonimo di successo. Ci sono molte piccole idee che riescono a teneri in piedi un film interessante, ma nessuna riesce a competere con l’unica idea geniale del suo predecessore. Rec 2 è un film da vedere per chi vuole provare ancora le emozioni del primo: ma è inevitabile che verranno attutite. Perché non c’è più l’effetto sorpresa di vedersi arrivare la morte in faccia. E perché si tende più a ragionare sul film – cercando di capire come i registi cerchino di variare sul tema – invece che di viverlo di pancia lasciandosi andare alle emozioni. Con il mosaico visivo originato da più punti di vista viene a mancare quella coesione narrativa e quella unità di tempo e luogo che era uno dei punti di forza di Rec. Rec 2 è un’operazione meno riuscita della prima. Ma vale la pena di essere seguita. Forse anche al di là di questo film, visto che nel finale a sorpresa e aperto sembra esserci uno spiraglio per un Rec 3. Rec: si ri-gira!

Da vedere perchè: Rec 2 moltiplica i punti di vista e i sottogeneri horror anche se non moltiplica la paura

 

 

03
Set
09

Venezia 66. REC 2

Voto: 6 (su 10) 

rec-2-teaser-poster-locandinaRec: si gira! Dopo il loro sorprendente primo film, gli “assassini” Jaume Balaguerò e Paco Plaza tornano sul luogo del delitto con il sequel del loro horror in soggettiva. Il ritorno sul luogo del delitto avviene letteralmente: prima dei titoli di testa vediamo l’ultima scena del film precedente, con la reporter Angela Vidal trascinata nel buio. E Rec 2 inizia pochi secondi dopo la fine di Rec: vediamo una squadra tipo SWAT pronta a intervenire nel famoso condominio messo in quarantena.

Rec: si gira! E si gira tanto. Rec 2, come molti sequel, lavora per accumulo e moltiplicazione. Per superare il primo film si tende a fare di più. Così in Rec 2 si moltiplicano le videocamere: in scena ce n’è una principale,  ma ogni agente delle squadre speciali ne ha una personalizzata. Così i nostri occhi non coincidono più con un unico occhio (che nel primo era quello della telecamera della troupe televisiva) ma con più sguardi, quelli dei vari agenti, che si intersecano con quella principale tramite delle immagini picture in picture. Fino a che le telecamere dei poliziotti finiscono fuori uso, e l’azione viene vista tramite la camera amatoriale di tre ragazzini che finiscono nel palazzo per caso. È il secondo “movimento” della sinfonia Rec 2. Ce ne sarà anche un terzo, con un altro occhio digitale  che entra in scena. Ma è una sorpresa che non intendiamo rovinarvi.

Ma Rec 2 è un film che moltiplica anche in un altro senso. Dopo pochi minuti, come si intuiva nel primo film, capiamo che l’infezione che trasforma le persone in una sorta di zombie non è semplicemente un virus, ma una possessione demoniaca. Così Rec 2 moltiplica anche i sottogeneri dell’horror nei quali inserirsi, contaminando lo zombie movie con le storie sovrannaturali di possessione. In sintesi: La notte dei morti viventi incontra L’esorcista, nello stile di The Blair Witch Project (che fu il primo horror in soggettiva). Un ultima contaminazione è quella con i videogame: i poliziotti – le cui azioni scorrono in soggettiva – sparano agli zombie. E in questo senso le scene in questione sembrano una citazione dei videogame Fist Person Shooter (sparatutto in prima persona) sullo stile di Doom.

Al cinema moltiplicazione non è sinonimo di successo. Ci sono molte piccole idee che riescono a teneri in piedi un film interessante, ma nessuna riesce a competere con l’unica idea geniale del suo predecessore. Rec 2 è un film da vedere per chi vuole provare ancora le emozioni del primo: ma è inevitabile che verranno attutite. Perché non c’è più l’effetto sorpresa di vedersi arrivare la morte in faccia. E perché si tende più a ragionare sul film – cercando di capire come i registi cerchino di variare sul tema – invece che di viverlo di pancia lasciandosi andare alle emozioni. Con il mosaico visivo originato da più punti di vista viene a mancare quella coesione narrativa e quella unità di tempo e luogo che era uno dei punti di forza di Rec. Rec 2 è un’operazione meno riuscita della prima. Ma vale la pena di essere seguita. Forse anche al di là di questo film, visto che nel finale a sorpresa e aperto sembra esserci uno spiraglio per un Rec 3. Rec: si ri-gira!

 

 












Archivi


Cerca


Blog Stats

  • 106,104 Visite

RSS

Iscriviti al feed di

    Allucineazioni (cos'è?)




informazioni

Allucineazioni NON e' una testata giornalistica ai sensi della legislazione italiana.

Scrivimi

Creative Commons License

Questo blog è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.