Posts Tagged ‘film commedia

19
Gen
12

Benvenuti al Nord. Anche i milanesi hanno un cuore grande

Voto: 6,5 (su 10)

C’è la nebbia, si mangia male, la gente è fredda e pensa solo a lavorare. Luoghi comuni, questi fidi compagni di viaggio: dopo quelli sul Sud, ecco quelli su Milano in Benvenuti al Nord, atteso sequel del fortunatissimo Benvenuti al Sud. Stavolta tocca a Mattia (Alessandro Siani), in crisi con la moglie Maria (Valentina Lodovini), trasferirsi da Castellabate a Milano. Ad aspettarlo ovviamente c’è Alberto Colombo (Claudio Bisio), anche lui in crisi coniugale con Silvia (Angela Finocchiaro), che, per ripararsi dalle polveri sottili prende una casa in montagna per i week end, ma non può andarci con il marito, troppo impegnato con il lavoro. Come da copione l’impatto di Mattia con il nuovo ambiente è duro: le colazioni sono scarne e solitarie, i divieti di sosta per il lavaggio delle strade vanno rispettati. E al lavoro tutti corrono. E proprio il lavoro è al centro di questo sequel: il fantomatico progetto pilota delle Poste Italiane, nome in codice E.R.P.E.S., tormenta Alberto. E sarà proprio Mattia a risolvergli i problemi. Ovviamente, come nel primo film, i luoghi comuni vengono superati, esorcizzati, sfatati. E capiremo che anche i milanesi hanno un cuore grande.

È un luogo comune, questo difficile da sfatare, che il cinema italiano rischi poco e osi nulla. Così, dopo i Cinepanettoni seriali con il format delle vacanze sempre uguali a se stesse, il 2012 inizia riproponendo i successi dell’anno precedente, Immaturi e Benvenuti al Sud. In questo caso la sfida è però diversa: se Benvenuti al Sud era il remake di un film francese (Giù al Nord), ed era costruito intorno a una trama solida, fluida e a delle gag riuscite, Benvenuti al Nord è un film completamente nuovo. La sfida è proprio costruire un film ex novo, seppur non partendo da zero, ma dal canovaccio del fortunato predecessore. Accanto a Luca Miniero in sceneggiatura c’è Fabio Bonifacci, e il suo tocco “sociale” si sente a tratti (i discorsi sullo spietato mondo del lavoro, sul mutuo). La sfida complessivamente è riuscita: il film è divertente e piacevole, e lascia in bocca un gusto dolce e consolante.

Rispetto al suo predecessore, però, Benvenuti al Nord sembra funzionare un po’ meno come racconto, e sembra procedere più per strappi e gag, sembra meno cinematografico e più cabarettistico. Non a caso, se si ride per le avventure di Bisio e Siani, ad essere irresistibili sono le caratterizzazioni di Paolo Rossi, immenso nel suo team leader simil Marchionne (con cui evidentemente ha un conto aperto) e di Angela Finocchiaro che interpreta, invecchiata ad arte, la madre di Silvia. A livello di script, invece, il vero colpo di genio è la gag della pantomima al contrario, nemesi e specchio della scena più riuscita del primo film, quella in cui i campani inscenavano una Castellabate da incubo a uso e consumo della moglie di Alberto. Si tratta comunque di un successo annunciato che al pubblico piacerà. E se ci piacerebbe ancora vedere Siani e Bisio insieme, stavolta in un progetto completamente nuovo, resta da riflettere su un cinema che prende le distanze, in stile e temi, dal Cinepanettone, ma che è pur sempre una “commedia italiana” e non ancora quella “Commedia all’italiana”, quella tagliente e amara dei Risi e dei Germi, quella a cui il cinema italiano dovrebbe ambire. Comunque, se si finisce con Emma che canta Nel blu dipinto di blu, il nostro inno nazionale non ufficiale, vuol dire che è proprio un bello spot per l’Unità d’Italia. Alla faccia di chi, proprio al Nord, non la vorrebbe…

Da vedere perché: è divertente e piacevole, e lascia in bocca un gusto dolce e consolante. E Paolo Rossi simil Marchionne e Angela Finocchiaro nei panni della suocera sono irresistibili

07
Mag
10

Notte folle a Manhattan. Tutto in una notte, e fuori orario…

Voto: 6 (su 10) 

Metti una sera a cena. Phil e Claire sono tutti casa e lavoro, bambini e lavoro, casa e bambini. Poco sesso, e divertimenti come il club letterario. Così una sera decidono di concedersi quella che si chiama una “botta di vita”, e – dal vicino New Jersey- decidono di passare una bella serata a Manhattan, in un ristorante esclusivo. Solo che non prenotano, e così non trovano posto. Così, quando il caposala avverte che si è liberato il tavolo “Tripplehorn per due” (sì, proprio come il cognome dell’attrice Jeanne Tripplehorn, che era il terzo lato del triangolo con Michael Douglas e Sharon Stone in Basic Instinct…), Phil e Claire decidono di spacciarsi per i Tripplehorn, e prendersi il loro tavolo. Operazione riuscita? Allora ci vuole un bel brindisi. Anche prima che arrivi il vino. Un momento…ma non porta sfortuna brindare con i bicchieri vuoti?

Già. Infatti la cena dei nostri eroi viene interrotta da due loschi figuri… Il resto è una serie di eventi che precipitano in un baratro sempre più profondo e intricato. Per una serie di equivoci Phil e Claire vengono scambiati per altri e finiscono in un giro di poliziotti corrotti, spie internazionali, politici sessodipendenti e così via. Nelle loro avventure Steve Carell e Tina Fey, i due protagonisti, incontrano una serie di attori che compaiono in una serie di camei. Non li sveliamo tutti per non rovinarvi la sorpresa. Ma la gag di Mark Whalberg che compare a petto nudo mettendo in serio imbarazzo Phil è quella che fa ridere più, specie perché è reiterata.

Lo schema del film è quello di Fuori orario di Scorsese, e di Tutto in una notte di Landis: persone capitate al posto sbagliato nel momento sbagliato, a cui accade di tutto, ma proprio di tutto. Sì, brindare con i bicchieri vuoti non porta proprio fortuna. Chissà se porterà fortuna in Italia a questo film, campione di incassi in America, ma anche esempio di una comicità che qui da noi ha sempre funzionato poco. C’è l’impressione che il doppiaggio faccia perdere il senso di molte gag. Steve Carell e Tina Fey vengono dal Saturday Night Live, programma (il cui format è stato importato anche da noi, con scarso successo) dalla comicità un po’ stralunata e assurda, in cui alcuni “special guest” interagiscono in studio con i comici per una serie di scenette. Notte folle a Manhattan in fondo finisce per essere questo: una serie di scenette, ognuna con il suo ospite d’onore, messe l’una accanto all’altra. Il film così non ha una grande coesione narrativa, e procede in maniera un po’ discontinua, senza un grande senso del ritmo. Si ride, anzi si sorride, ma a tratti. E il flebile filo conduttore del film è la differenza tra normale e anormale, tra noioso ed eccitante, che finisce per risolversi, indovinate un po’, nella solita stucchevole esaltazione tutta americana della normalità e della famiglia. Molto poco folle, a rifletterci.

Steve Carell e Tina Fey però sono bravi. Lavorano di sottrazione, e sulle sfumature. Guardate le scene in cui si fingono altre persone cambiando leggermente gli abiti e lavorando su piccoli, semplici gesti. Un lavoro di recitazione nella recitazione che non è da tutti. “Siamo in due ruoli dai quali non riusciamo ad uscire” dicono in una scena del film. E invece dai ruoli ci entrano e ci escono benissimo.  

Da vedere perché: Steve Carell e Tina Fey sono bravi. Lavorano di sottrazione, e sulle sfumature. Ma il film è una serie di scenette, ognuna con il suo ospite d’onore, messe l’una accanto all’altra, senza una grande coesione narrativa

 












Archivi


Cerca


Blog Stats

  • 113.168 Visite

RSS

Iscriviti al feed di

    Allucineazioni (cos'è?)




informazioni

Allucineazioni NON e' una testata giornalistica ai sensi della legislazione italiana.

Scrivimi

Creative Commons License

Questo blog è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.