18
Feb
11

Il cigno nero – Black Swan. La mia bambina non c’è più

Voto: 8 (su 10)

La mia bambina. È così che la madre chiama Nina (Natalie Portman), ballerina classica aspirante etoile al balletto di New York. Parole che ricorrono come un mantra lungo Il cigno nero – Black Swan. E che sono la glossa naturale alla “vita in rosa” che fa vivere alla figlia: è rosa la sua cameretta, sono rosa i suoi cappottini da bambola, è rosa anche il pompelmo a colazione. Ora Nina si trova davanti a una svolta: potrebbe ottenere la parte di Odette nel Lago dei cigni. Un ruolo doppio, cigno bianco e cigno nero. Il cigno nero è la sorella invidiosa del cigno bianco, ma a interpretarle sono la stessa persona. È la storia di una metamorfosi. Quella che sta accadendo a Nina, in lotta per diventare cigno nero, in lotta per scappare dalla gabbia rosa da bambina e diventare donna.

Il cigno nero è il nuovo film di Natalie Portman, ma è anche il nuovo film di Darren Aronofsky, regista che di metamorfosi se ne intende. Il suo è un cinema di corpi in mutazione. Se per Mickey Rourke The Wrestler era stata la resurrezione, per Natalie Portman Il cigno nero è il passaggio all’età adulta. Anche lei, esplosa giovanissima in Leon e poi in Star Wars Episodio 1: La minaccia fantasma, come la sua Nina finora era sembrata rimanere un’eterna bambina. E grazie al suo ruolo in questo film, come Nina col suo ruolo nel balletto, si è trasformata. Finalmente donna. La bambina non c’è più.

Come la sua protagonista, Il cigno nero è un film dalla sensualità disturbata, di una sessualità negata e cercata. Un film di sospiri, un continuo ansimare, quello dello sforzo o quello dell’orgasmo. È un gioco di specchi, un horror interiore, un susseguirsi di visioni distorte. Eva contro Eva dentro il Dakota Building di Rosemary’s Baby. È il cinema di Darren Aronofsky, autore che sta riflettendo sul concetto di mutazione come faceva Cronenberg, ma con una chiave di lettura tutta sua. A lui interessano l’imperfezione, la caducità e la disgregazione del nostro corpo. La danza come il wrestling: per lui la vita è sforzo. Aronofsky è il cantore del quotidiano martirio dell’uomo.

Da vedere perché: è un film dalla sensualità disturbata, di una sessualità negata e cercata. Un film di sospiri, un continuo ansimare, quello dello sforzo o quello dell’orgasmo. Eva contro Eva dentro il Dakota Building di Rosemary’s Baby

 

Annunci

0 Responses to “Il cigno nero – Black Swan. La mia bambina non c’è più”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...










Archivi


Cerca


Blog Stats

  • 112.510 Visite

RSS

Iscriviti al feed di

    Allucineazioni (cos'è?)




informazioni

Allucineazioni NON e' una testata giornalistica ai sensi della legislazione italiana.

Scrivimi

Creative Commons License

Questo blog è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.


Annunci