08
Set
09

Venezia 66. Brooklyn’s Finest. Comprensione per il Diavolo

brroklinVoto: 7 (su 10)

Piacere di conoscerti, spero che indovinerai il mio nome. Ma cosa ti rende perplesso? È la natura del mio gioco. Si sente Sympathy For The Devil a un certo punto di Brooklyn’s Finest, il nuovo film di Antoine Fuqua, presentato fuori concorso al Festival di Venezia. È un nuovo racconto di polizia corrotta, ideale seguito ed evoluzione di quel Training Day che aveva rivelato il regista qualche anno fa. Non è un caso che si senta la canzone degli Stones. Perché Brooklyn’s Finest ha il pregio di parlarci del Diavolo (i poliziotti corrotti o falliti) ma anche di farci capire le loro ragioni.

C’è il poliziotto che ruba i soldi delle retate agli spacciatori e li tiene per sé, perché deve comprare una nuova casa per la moglie (che aspetta due gemelli) e i suoi figli (Ethan Hawke). C’è l’infiltrato tra gli spacciatori, che è diventato uno di loro e per fare carriera dovrà catturare quello che ormai è un amico (Don Cheadle). E c’è il poliziotto a un passo dalla pensione, depresso e alcolista, e con una carriera con pochi onori (Richard Gere). È come se il personaggio di Ethan Hawke in Training Day, che era un novellino puro e ingenuo, con il tempo si sia lasciato corrompere. È lui il personaggio chiave del film, quello più complesso e sfaccettato. È lui il Diavolo. Non lo giustifichiamo, né l’assolviamo. Ma sta facendo qualcosa per la sua famiglia, e possiamo capirlo. È proprio lui che all’inizio sentiamo fare un discorso su quello che è giusto e quello che è sbagliato. O al confessionale mentre dice al prete “sono un cattivo ragazzo”.

C’è un forte racconto morale dietro la facciata da poliziesco di Brooklyn’s Finest. Una storia di delitto e castigo che riesce a conquistare. Il film di Fuqua ha tutto quello che ci si aspetta da un film del genere: è sboccato, violento, spinto, scorretto. Tra le scene destinate a colpire c’è quella di una fellatio che una prostituta fa al personaggio di Richard Gere. È un film solidissimo, muscolare ma anche profondo, che fa pienamente il suo dovere, e ha solo il difetto di essere troppo lungo e prolisso (140 minuti), di girare troppo intorno ai fatti prima di arrivare al dunque. Tutti i nodi vengono al pettine, e il Diavolo si manifesta come tale. Ma rimane la com-passione per dei personaggi destinati a perdere, consapevoli di valere “più da morti che da vivi”.  

Da vedere perché: dietro la facciata da poliziesco c’è un forte racconto morale. Ci parla del Diavolo (la polizia corrotta) ma ci fa capire le sue ragioni.

(Pubblicato su Movie Sushi)

Annunci

0 Responses to “Venezia 66. Brooklyn’s Finest. Comprensione per il Diavolo”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...










Archivi


Cerca


Blog Stats

  • 112.753 Visite

RSS

Iscriviti al feed di

    Allucineazioni (cos'è?)




informazioni

Allucineazioni NON e' una testata giornalistica ai sensi della legislazione italiana.

Scrivimi

Creative Commons License

Questo blog è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.


Annunci