03
Set
09

Venezia 66. Le ombre rosse. L’Italietta e la sua sinistretta

Voto: 7 (su 10) 

leombrerosselocandina_500Viviamo nella nostra Italietta, ce lo ricordava il produttore polacco ne Il caimano di Moretti. E in questa Italietta c’è ormai una sinistretta, piccola, stretta, divisa. È una storia che va raccontata, quella de Le ombre rosse di Citto Maselli. Non è una storia vera, ma verosimile. Non è accaduta, ma potrebbe accadere. Siamo nel 2007, durante l’ultimo governo di centrosinistra. Un intellettuale di fama mondiale viene invitato in un centro sociale e viene colpito dalla vitalità delle proposte culturali. Così rilascia un’intervista per una piccola tv in cui afferma che i centri sociali potrebbero diventare qualcosa di più importante, delle case della cultura sul modello di quelle che Andrè Malraux propose in Francia. Ripresa da altre tv e poi da media sempre più importanti, la notizia acquista una rilevanza tale che in tanti si propongono di aiutare il centro sociale a crescere.

Ma le cose si complicano. Ognuno degli attori in causa, ognuno di sinistra, ha una sua idea. Dall’architetto di sinistra, ma con i miliardi, che vuol farsi finanziare il suo progetto dai petrolieri americani, alla banca di sinistra che vuole acquistarlo e farne un centro commerciale. Fino ai politici, buoni nelle intenzioni, ma incapaci di sbloccare la situazione. Come chi propone cento case della cultura, ma non riesce a salvare nemmeno un centro sociale. “La cultura deve fruttare”, si sentono dire i ragazzi del centro sociale. “Ma non dovrebbe essere un bene comune, come l’acqua?”, rispondono i ragazzi. Così ci si allontana sempre più dall’idea originale, la si snatura. Fino a far svanire il sogno, e risvegliarsi bruscamente. Mentre la destra vince le elezioni tra i clacson.

È un grido di dolore, quello del vecchio leone Citto Maselli. Un grido che si smorza in una risata sarcastica e beffarda, nella coscienza che la beffa e il sarcasmo sembrano essere le ultime armi di una resistenza all’apatia. Maselli possiede ancora uno sguardo lucido e tagliente sulla vita, la cultura e la politica di oggi. Si vede che è un film che nasce da un grande rimpianto. Quello dell’ultimo governo Prodi, ma anche dalla consapevolezza della direzione che rischia di prendere la sinistra (o centrosinistra) italiana. Come direbbe Moretti: continuiamo così, facciamoci del male.

Da vedere perché: lo sguardo dall’interno sulla sinistra italiana di Maselli è impareggiabile

(Pubblicato su Movie Sushi)

 

 

Annunci

0 Responses to “Venezia 66. Le ombre rosse. L’Italietta e la sua sinistretta”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...










Archivi


Cerca


Blog Stats

  • 112.753 Visite

RSS

Iscriviti al feed di

    Allucineazioni (cos'è?)




informazioni

Allucineazioni NON e' una testata giornalistica ai sensi della legislazione italiana.

Scrivimi

Creative Commons License

Questo blog è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.


Annunci