11
Mag
09

Feisbum. Aridatece Manuel Fantoni!

Voto: 4 (su 10)

locandinaUn bel giorno, senza dire niente a nessuno, mi imbarcai su un cargo battente bandiera liberiana. Feci tre volte il giro del mondo, senza mai capire cosa trasportasse quella nave. Ma forse un giorno lo capii…droga! Bei tempi quelli di Manuel Fantoni, indimenticabile alter ego del Sergio Benvenuti di Carlo Verdone, protagonista di Borotalco. Bei tempi perché anche oggi, anzi ancora più di prima, la gente si spaccia per qualcun altro. Ma quanto è più facile ai tempi di internet, anzi in quelli di Facebook, dove basta mettere una foto di chiunque e inventarsi un profilo per sembrare qualcun altro? Volete mettere con l’arte dei mitomani di un tempo, come appunto il Sergio creato da Verdone, che si fingeva Manuel col solo aiuto di un accappatoio, una sigaretta e uno sguardo, mettendosi in gioco in prima persona, e con la propria faccia?

Si scrive Feisbum e si legge Facebook. L’instant movie sul fenomeno di Facebook, il social network più in voga del momento, è fatto di tanti corti affidati a registi diversi che vorrebbero spiegare come cambiano le relazioni sociali nell’era dei profili e dei tag. Ma si concentra soprattutto su una cosa: sull’identità, sulla volontà di essere (o almeno apparire) come qualcun altro, nel turlupinare il prossimo mascherandosi dietro false identità. Vertono su questi aspetti, infatti, la maggior parte degli episodi: da Siempre (uno dei migliori), in cui un ragazzo crea il profilo dell’uomo perfetto per vendicarsi della sua ragazza a Manuel è a Mogadiscio (altra prova interessante) in cui un nerd si finge inviato di guerra, fino a Indian Dream, in cui un meccanico sogna di ripassare l’intero kamasutra con una ragazza indiana, dopo aver visto la sua foto su Facebook. A parte il fatto di farci rimpiangere quelli che un tempo si fingevano un altro con le proprie forze, e non con l’ausilio di un computer, Feisbum non riesce quasi mai a cogliere nel segno. La scrittura degli sketch presenta lo stesso problema che aveva quella de I mostri oggi: manca quasi sempre un’epifania, un finale che riveli, che dia un senso alla vicenda raccontata. Ma soprattutto, per parlare di Facebook si è scelto di trattare aspetti che fanno parte della comunicazione su internet in generale, come la chat erotiche, che ci sono da tempo, molto prima di Facebook. E allora l’effetto è quello del dejà-vù: guardando l’episodio Jessica e Nicola (con un sempre bravo Massimiliano Bruno), in cui due improbabili amanti chattano scambiandosi amene porcherie, viene in mente che la Stefania Rocca di Viola e Clive Owen in Closer l’avevano già fatto.

Qualcosa da salvare c’è, come Maledetto tag, in cui si va a cogliere l’altro aspetto di Facebook che pare preponderante, quello di essere taggati, cioè trovare in rete qualsiasi foto in cui si è immortalati (e che qui fa saltare un matrimonio). O come Angelo azzurro reloaded del collega Serafino Murri, in cui dalla storia tra un professore e una giovane “suicide girl”, che ammicca a quella del famoso film con la Dietrich, impariamo che le cose più belle nascono da un incontro vero e rigorosamente off line. O ancora, nell’ultima pillola che precede i titoli di coda, in cui un vecchio compagno di scuola si vendica di chi lo vessava. Ma in generale lo scarto tra le crisi di identità raccontata da Verdone più di vent’anni fa e quelle di oggi è proprio quello tra quei tempi e i nostri.

E anche, inevitabilmente, tra gli Autori di ieri e quelli di oggi. Aridatece Manuel Fantoni!

Da non vedere perchè: è un instant movie, ideato e girato velocemente. E si vede…


0 Responses to “Feisbum. Aridatece Manuel Fantoni!”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...










Archivi


Cerca


Blog Stats

  • 113.024 Visite

RSS

Iscriviti al feed di

    Allucineazioni (cos'è?)




informazioni

Allucineazioni NON e' una testata giornalistica ai sensi della legislazione italiana.

Scrivimi

Creative Commons License

Questo blog è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.